L’architettura in tutti modi

 Questo modo pragmatico di lavorare l’architettura e come un blocco, come se fossimo nel cuore della realtà virtuale e vivere il momento.

Inoltre traduce una certa attrattiva per la semplificazione degli spazi abitativi, ma anche il modo in cui vogliamo, forse, che essi evolvano.

La storia


Le fantasiose associazioni di Supaform mostrano un vivo interesse per le tonalità che ricordano la l’architettura degli anni ’80 (lo stesso si può dire anche per i mobili dell’epoca).

Le forme

 Molto interessante, invece, è notare che le forme geometriche assemblate tra loro non solo creano architetture, ma anche mobili funzionali e scultorei (possiamo quindi considerarli a metà strada tra questo spazio e il nostro).

I colori

 Pensandoci più a fondo, i colori primari non sono così semplici da padroneggiare, ma lo studio russo riesce a farlo meravigliosamente.

Pertanto potremmo sottolineare che per andare verso una nuova architettura d’interni tutti devono riuscire a liberarsi delle proprie idee e di quelle ricevute o impartite da altri per poter entrare nella mood giusto.

In conclusione, quindi, tabula rasa e dimentichiamo le nostre visioni convenzionali degli interni, in modo da farle evolvere verso altri orizzonti.

Sopratutto più tecnologici e vicini ai bisogni fondamentali di tutti gli esseri umani.

Possiamo tener conto di tutto questo nelle nostre ristrutturazione di appartamenti.

Precedente L'ARCHITETTURA DEL VUOTO Successivo Impianto di riscaldamento a pavimento