ARCHITETTI E DESIGN

FRANCIA E ARCHITETTURA BAROCCA

La Francia produsse, durante il periodo barocco, una successione di eccellenti architetti: Francois Mansart (1598-1666), Louis Le Vau (1612-70) .

Il più grande di tutti, Jules Hardouin Mansart (1646-1708). Il tentativo della corte francese di introdurre il barocco italiano in Francia, convocando Bernini nel 1665 a Parigi e commissionandolo per progettare la ricostruzione del palazzo reale – il Louvre – fu condannato fin dall’inizio, poiché c’era in questione una radicale differenza di temperamento. i francesi, l’esuberanza italiana rasentava l’indecorosa, se non la furbizia e il cattivo gusto.

LO STILE E ARCHITETTI

Inoltre i francesi, l’esuberanza italiana rasentava l’indecorosa, se non la furbizia e il cattivo gusto.

Per loro, l’esuberanza italiana rasentava l’indecorosa, se non la furbizia e il cattivo gusto.

Alla corte del Re Sole si sviluppò uno stile barocco più sobrio di quello italiano.

Le planimetrie erano meno complesse e le facciate più severe, con maggiore rispetto per i dettagli e le proporzioni degli ordini architettonici tradizionali.

La più grande conquista del barocco francese fu la Reggia di Versailles, il palazzo costruito per Luigi XIV fuori Parigi: un’enorme massa a forma di U con due lunghe ali, costeggiata dalle piccole arcate basse sulla facciata principale di fronte ai giardini.


Precedente ARTE NUOVA Successivo Come va scelto il tessuto