REGOLE dell’ANIMAZIONE

REGOLE dell’ANIMAZIONE

Slow in and slow out.

Animazione e il modo migliore per capire come rallentare è pensare a come un’automobile si avvia e si ferma. Nell’animazione, questo effetto si ottiene aggiungendo più fotogrammi all’inizio e alla fine di una sequenza di azioni. Applica questo principio per dare più vita ai tuoi oggetti.

Arc.

Perché lavorare nell’animazione è meglio attenersi alle leggi della fisica.

La maggior parte degli oggetti segue un arco o un percorso quando si muovono e le animazioni dovrebbero riflettere quell’arco.

 Secondary action.

Le azioni secondarie sono utilizzate per supportare o enfatizzare l’azione principale in corso all’interno di una scena. L’aggiunta di azioni secondarie aiuta ad aggiungere più dimensioni ai tuoi personaggi e oggetti.

Timing.

Per questo principio di animazione dobbiamo guardare nuovamente alle leggi della fisica e applicare ciò che vediamo nel mondo naturale alle nostre animazioni. In questo caso, l’attenzione è sulla tempistica.

Exaggeration.

Troppo realismo può rovinare un’animazione, rendendola statica e noiosa.

Ma aggiungi un pò di esagerazione ai tuoi personaggi e oggetti per renderli più dinamici.

Solid drawing.

Bisogna capire le basi del disegno. Ciò include il saper disegnare nello spazio tridimensionale e comprendere la forma e l’anatomia, il peso e il volume, le luci e le ombre.

Appeal.

I personaggi, oggetti e il mondo in cui vivono devono fare appello allo spettatore. Ciò include il design di facile lettura, il disegno solido e una personalità.

Precedente Pareti di sale Successivo LA PULIZIA DEI PAVIMENTI IN PIETRA NATURALE